AA.VV. – The Toysound Of Earsugar (Earsugar Jukebox, 2005)

Come si evince da alcuni miei scritti, che sicuramente non passeranno alla storia, sono un drogato di 7". Ma, nella mia ricerca, raccolta, collezione poche volte mi sono scontrato con le Singles Series. Strano ma vero. Ma non mi piace comprarmi in anticipo l'intero blocco di uscite, ricevendole a poco a poco. Allora mi diverte di più venirne in possesso ad anni di distanza. Tra le poche serie da me possedute ci sono quelle della Gringo, quella della Chè, qualcosa della Johnson Family e direi forse nient'altro per intero. La raccolta, quando la guardi nella sua interezza è un po' la nonna della compilation su CD, forse solo la madre. Lasciam perdere gli mp3, buoni soprattutto per un articolo dell'illustre sig.Turra. Fatto sta che, a mò di promozionale, la Earsugar Jukebox infila in un unico cd le prime cinque uscite della serie. E diventa una compilation. Ma soprattutto traspare in maniera evidente, e a fedeltà digitale, il filo logico che muove i singoli.
Si inizia con Mek Obaam, le cui due tracce sono più indie rock un filo folk acustico che folktronica. Canzoncine divertenti da battimani continuo. Zuccherino per le orecchie sature di glitch, anorak pop dal collaboratore scozzese, guarda un po', di Schneider TM e Barbara Morgenstern.
Segue Hi Lonesome Electric, una specie di pop digitale che tocca un tradizionale di folk americano, già risuonato da tanti tra cui anche Johnny Cash, vagamente reminescente di certi Joan Of Arc per i leggeri chitarrismi looppati in sottofondo.
Schneider TM gioca con una cover dei Queen disossata e portata alla neurosi, insieme a Kptmichigan, facendola suonare come un tributo ai Suicide. Sul lato B troviamo il celeberrimo, ormai, remix glitch dei Lambchop, col vocione a sedersi su piano, skipping e Air-eggiamenti vari (geniali le finte trombe).
Kptmichigan è ancora protagonista con il belga Kohn dell'uscita seguente: Super Reverb. Psichedelia ignorante tra Primal Scream strafatti e Spacemen 3 lucidi, con un lato B da indianeggiamenti che altro che le copertine dei dischi anni sessanta si sono fumati questi due.
Chiude il promozionale Julia Hummer, una nota attrice berlinese alle prese con un pop figli di Opal e Mazzy Star.
La serie di zuccheriere da orecchie a 45giri prosegue ad oggi con un'altra decina di uscite, tra cui i nostri Giardini Di Mirò; seguite il sito per scoprirne di più.
Visto che l'inizio è datato 2004, credo sia l'ora di andare a raccogliere i primi 7" in giro: la caccia è aperta!

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kitchen Door - Sodapop Edition n.1

Ecco il richiestissimo ritorno del funambolico duo del nord-est: i nostri diggei ci propoinano anche questa volta una degna scaletta…

20 May 2009 Podcasts

Read more

Einsturzende Neubauten + Deus + Blond Redhead - 01/09/2018 Piazza…

Tre headliner di tutto rispetto per una serata dal sapore quasi antico. E’ innegabile osservare come sia Deus che Blond…

09 Sep 2018 Live

Read more

Andrew Quitter - Forgotten Farms (Diazepam, 2012)

Andrew Quitter pubblica un cassetta C30 per la Diazepam di Mauro Sciaccaluga (Ur, Shiver, Wailing Of The Winds) dal sapore…

11 Apr 2013 Reviews

Read more

Corrections House - Last City Zero (Neurot, 2013)

Con Corrections House ancora una volta ci troviamo tra La Strada di Cormac McCarthy e Walking Dead. Scott Kelly ormai…

18 Feb 2014 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

Gianni Lenoci/Gianni Mimmo - Reciprocal Uncles (Amirani, 2010)

In contemporanea al duo che vede coinvolto Cristiano Calcagnile e Monica Demuru (Blastula) la Amirani spara quest'altra coppia che vede…

06 Apr 2010 Reviews

Read more

Barn Burning - Werner Ghost Truck (Tarnished, 2007)

Barn Burning è il titolo di un racconto di Faulkner: se conoscete questo scrittore e date una occhiata al campo…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Sakee Sed – Alle Basi Della Roncola (Mousemen, 2010)

Quelle contenute in Alle Basi Della Roncola, esordio dei Sakee Sed, sono canzoni da balera, o da saloon, suonate con "sentimento…

24 May 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Quit Having Fun (Boring Machines, 2009)

Prima compilation per Boring Machines, e anche se non sono assolutamente un fan della raccolte in genere (per non parlare…

06 Nov 2009 Reviews

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Fuori Stagione (Wallace/Old Bicycle, 2016)

Nonostante gli illustri nomi che accompagnano il progetto, il lavoro del Lungo Addio risulta fiacchissimo e noioso fin dalle prime…

28 Oct 2016 Reviews

Read more

Papier Tigre - Recreation (Africantape/Murailles Music, 2012)

Un amico entra in casa mentre ascolto Recreation ed esclama:"Ah. Sei nel periodo Shellac?". Ok. Magari non è proprio l'amico,…

03 Apr 2012 Reviews

Read more

...qualcosa come Old Bicycle Records ma 10 anni fa: Haru…

A volte basta un input per scatenare il passato, ricostruendo il percorso che ci ha portato fino a questo momento…

08 Aug 2016 Articles

Read more

Prospekt - Airlines (Intellilab, 2008)

Ed eccolo qui il secondo lavoro dei bresciani Prospekt: dalla musica per aeroporti a quella già in volo. Un deciso…

04 May 2008 Reviews

Read more

Alessandro Ragazzo – Cinque Studi Sul Paesaggio (Disipatio, 2020)

Prima uscita sulla lunga distanza per Alessandro Ragazzo, musicista di area veneta che dopo alcune cassette e cdr esordisce sulla…

11 Jan 2021 Reviews

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top