AA. VV. – Brigadisco 4 – Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti di Itri, nelle varie sedi in cui l’etichetta e la Cineteca Atomica del Garigliano organizzano le serate. E dato che da quelle parti passano quasi tutti, queste raccolte finiscono per rappresentare un po’ lo stato dell’arte della scena indipendente italiana, o come accidenti volete chiamarla.
Anche in questo quarto capitolo, il primo di cui ci occupiamo, tutti i brani sono inediti, riarrangiati o comunque in versione mai pubblicata prima d’ora. Buona parte degli artisti li conosciamo, per averli già ospitati su queste pagine (Cannibal Movie, Ronin, Luca VenitucciJunkfood, Luther Blissett, Above The Tree) e, trattandosi di sostanziali conferme, ci attardiamo solo il tempo di segnalare un ottimo e molto soulfoul inedito di Bemydelay, Reliever. Vale invece la pena concentrarsi sui nomi meno noti, alla ricerca di qualche bella sorpresa, che troviamo subito con il surf  desertico e morriconiano degli Ava Kant e nel math che odora un po’ di Nomeansno degli Smegma Trio. È questo genere, con le varie derivazioni, quello più praticato fra le diciotto tracce, raramente in maniera indimenticabile. Sul versante folk, anche questo molto battuto, ma con migliori risultati, spicca il toccante brano di Gispy Rufina, che mi ha richiamato alla mente l’America magistralmente reinterpretata dagli storici Howth Castle. C’è spazio anche per i suoni meno etichettabili, come quelli mesmerizzati prodotti dal trombone di Davide Piersanti, fra il Miles Davis di Bitches Brew e i Throbbing Gristle di Heathen Earth o l’eccellente improvvisazione a quattro fra Jack Wright (sassofono), Luca Tilli (violoncello), Fabrizio Spera (batteria), Luca Venitucci (fisarmonica), musica concreta che con crescendo drammatici si concretizza un strutture più canonicamente jazz, per poi tornare a sbriciolarsi in mille suoni.
Come sempre in questi casi l’eterogeneità è un’arma a doppio taglio, che accontenta un po’ tutti ma inevitabilmente rende la fruizione poco fluida. È tuttavia un difetto, per così dire, strutturale, superabile armandosi di curiosità e un briciolo di apertura mentale: di stimoli qui centro ce ne sono più che a sufficienza.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chapter 24 & Philippe Petit - The Red Giant Meets…

Continua, evidentemente con reciproca soddisfazione, il sodalizio fra il musicista francese e l'etichetta italiana, dopo il disco che Philippe Petit…

17 Mar 2011 Reviews

Read more

Father Murphy - Anyway, Your Children Will Deny It (Aagoo,…

Dimenticare tutto quello che si sa, affrontare un disco senza tener conto di nome e storia dell'autore, sarebbe talvolta (se…

23 Apr 2012 Reviews

Read more

The Great Saunites – The Ivy (Neon Paralleli/HYSM?/Verso Del Cinghiale/Villa…

Torna a farsi sentire, con un vinile in tiratura limitata, il duo lodigiano, di cui avemmo modo di parlare un…

08 Apr 2013 Reviews

Read more

Hheva/Shiver - Troubled Sleep (Diazepam, 2012)

Cassetta split tra il combo maltese Hheva e Shiver aka Mauro Sciaccaluga, che lascia il lato A agli ospiti facendo…

30 May 2013 Reviews

Read more

Gioventù Bruciata - S/T (Brigadisco, 2014)

I Gioventù Bruciata di Formia sono un calcio in culo ("col fischio o senza?") che torna a percuoterci le nostre…

02 Jul 2014 Reviews

Read more

Hypershape Records. Una chiacchiera..

Hypershape è un’etichetta discografica italiana, gestita al momento da Michele Basso e Giorgio Salmoiraghi. I due (ovviamente) loschi figuri non…

20 Mar 2022 Interviews

Read more

Makhno – The Third Season (Neon Paralleli/Wallace/Brigadisco/HYSM? e altri, 2015)

Dove eravamo rimasti? A Federico Ciappini che, su una base di chitarre distortissime, chiedeva due pistole, per “morire come il…

30 Jun 2015 Reviews

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

The Rust And The Fury - See The Colors Through…

Piove. Ultimamente non è strano per niente, no? Comunque, siccome, secondo me, il caso esiste fino a un certo punto,…

19 Sep 2014 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

The Wyns - A Place Like This (Autoprodotto, 2011)

Nota di colore che non c'entra nulla: credo che Luino, sul Lago Maggiore, il paese da dove provengono i giovani…

27 Jan 2012 Reviews

Read more

Crap - S/T (Megablomb, 2006)

Registrato ormai dieci anni fa, nel 1998, e rimasto nel cassetto fino al 2006, anno in cui è stato pubblicato…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

Altieri/Balestrazzi/Becuzzi – In Memoriam Of J.G. Ballard (Old Europa Cafè,…

Altieri, Balestrazzi e Becuzzi tributano il maestro della letteratura inglese a tre anni dalla scomparsa e lo fanno tornando sul…

03 Dec 2012 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Pierre Bastienne - Visions Of Doing (Westernvynil, 2008)

Pensavo che la Westernvynil fosse per il pop di gusto o comunque per la musica easy listening e tutto sommato…

11 Nov 2008 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top