A volte ritornano, i Peggio Punx di nuovo tra noi!

Ritornano i peggiori ragazzi con la più incontenibile foma d’energia mai uscita dal piemonte. I Peggio Punx per l’appunto. Il tre marzo prossimo si celebrerà il trentennale della band nella loro roccaforte: la grigia Alessandria. Un’occasione imperdibile per chi non c’era vent’anni fa per assaporare il più glorioso periodo dell’hardcore italico e per chi c’era l’opportunità di ritrovare tanti vecchi amici persi nel tempo e nei meandri della vita. Abbiamo fatto due chiacchiere con Marco Laguzzi (chitarra) per capire cosa ha spinto questa band di non più giovanotti a tornare insieme dopo tutto questo tempo.

SODAPOP: Sono passati trent’anni. Che senso ha il concerto dei Peggio del 3 marzo prossimo? Sarà il primo di una serie? Anticiperà del nuovo materiale a venire?
MARCO: Ne avevamo parlato già tempo fa, ma avevamo paura di essere patetici, l’occasione dei trent’anni è stata la scintilla: in realtà l’attesa che percepiamo ci commuove. Non so se continueremo: io personalmente mi sto divertendo un casino, ma bisogna essere in quattro. Il concerto sarà registrato e filmato a livello professionale e qualcosa uscirà di sicuro.

SODAPOP: (Di nuovo) son passati trent’anni. Considerata la tua esperienza musicale, come trovi cambiato il mondo di oggi rispetto ai tempi della Città E Quieta e degli altri dischi? La domanda fa esplicitamente riferimento ai testi, ai messaggi e alla poetica in generale espressa nei testi dei Peggio.
MARCO: Mi sembra, e ci sta tutto, che molte cose siano cambiate soprattutto sul modo di unire la musica e lo stare insieme, anche se non ho l’esatta percezione della scena attuale. Il fatto di essere in contatto con i ragazzi del Laboratorio Sociale che collaborano con noi nell’organizzazione del concerto mi ha fatto tornare indietro al Subbuglio di venticinque anni fa. Sugli altri aspetti, come scriviamo nella nostra presentazione i testi ci sembrano “terribilmente attuali” anche se forse il messaggio era elementare troviamo molte analogie con il mondo sel secondo millennio: “presentatori allegri modifican la vita – attori malinconici crean modelli…” sui testi comunque ci siamo, soprattutto nel secondo periodo dei Peggio Punx, differenziati dal clichè hardcore almeno della maggior parte delle band.

SODAPOP: Il 3 marzo ci saranno anche i tuoi due figli allo show dei Peggio?Peggio_2
MARCO: Certo, li collocherò con la figlia di Paolo in una posizione “sicura”.

SODAPOP: Si può essere punk a cinquant’anni?

MARCO Per me è sempre stato un concetto soggettivo. Noi comunque eravamo “punks” provinciali diversi da quelli “metropolitani”, volevamo e vogliamo bene alla mamma… L’importante credo sia non rinnegare niente. Le esperienze servono, ma in realtà tutto muta: bisogna adattarsi, mantenendo vivi certi valori.

SODAPOP: La politica, la musica e la tua vita. Come si sono intrecciate insieme le cose in tutto questo tempo?
MARCO: Come in un film con una trama circolare… A volte ritornano. La politica ultimamente mi ha saturato, non ho mai pensato che fosse una questione per puri ma, non per luogo comune, abbiamo superato qualsiasi limite. Credimi, la realtà è peggio di qualsiasi fantasia. Per fortuna ogni tanto c’è qualche Guariniello che ti fa pensare che non è tutto inutile. (Eternit docet)

SODAPOP: Cosa ne pensi delle svariate ristampe del materiale dei Peggio che sono state fatte durante questi anni? Ti sembra rendano merito alla vostra musica?
MARCO: Certo, fa piacere e dobbiamo ringraziare tutte quelle persone che hanno permesso di far rimanere viva la nostra esperienza.

SODAPOP: Alberto (Pisani, il cantante) è sempre pazzo? Fa sempre il postino e soprattutto, è sempre “una dissoluta forchetta”?
MARCO: Si, ovviamente a volte non si rende conto delle sue potenzialità perchè fondamentalmente è un sognatore pigro, ma è un grande animale da palcoscenico e un discreto poeta. Peccato sia rimasto, come diciamo dalle nostra parti, un bastian cuntrari. Fa sempre il postino e il pescatore, come forchetta mi sembra si sia dato dei limiti sopratutto in vista del concerto.

SODAPOP: Ma poi, ci hanno ucciso al suono della nostra musica?
MARCO: Il problema è che ci stanno massacrando e nessuno ha più voglia di fare musica… In giro si vedono “tributi “a chiunque cover band ecc. Cazzo, ragazzi un po’ di fantasia: abbiamo qualcosa da dire e da creare o no?

Peggio_3SODAPOP: Ora una domanda, paradossalmente seria. Uno dei miei cavalli di battaglia e lo penso fermamente e con tutto me stesso è che, secondo me, “il miglior hardcore di tutti i tempi sia stato fatto in piemonte”. Che ne pensi di questa mia “ossessione”?
MARCO: Sul vino la toscana puo’ darci del filo da torcere, ma sull’hardcore penso non ce ne sia per nessuno (Indigesti, Negazione, Peggio e altri…)

SODAPOP: Che musica ascolti oggi? Come ti poni quando le vecchie glorie si riformano e passano in tour in italia? Mi riferisco a Bad Brains, Scream ecc ecc…
MARCO: Mi rendo conto che il modo di ascoltare musica è completamente cambiato. Fare un disco può essere solo una testimonianza: per la musica ci sono ormai altri canali e volenti o no bisogna cercare di adattarsi. Il web ha cambiato tutto. E’ positivo, bisogna solo saper scegliere. Personalmente sento un po’ di tutto: reggae per rilassarmi, anni ’70 per ballare, alternative rock, hardcore e punk per caricarmi. Non sopporto solo il latino.

SODAPOP: Quando ero ragazzino (come già ti dissi a suo tempo) ogni tanto mi chiedevano se (per presunta somiglianza) eravamo fratelli. Ovviamente io ci sballavo e non nego di aver mentito qualche volta… Ora purtroppo non succede più. Hanno forse iniziato a chiederlo a te di me 🙂 ?
MARCO: Ultimamente mi hanno chiesto se ero lo “zio” di Giorcelli… Sarò invecchiato.

SODAPOP: Grazie fratello 😉 Ci vediamo il 3 marzo per festeggiare.
MARCO: Ciao, ti abbraccio. A presto!

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Made In Mexico - Guerrilaton (Skin Graft, 2008)

C'è qualcuno, nel folto e preparato pubblico di Sodapop, che creda ancora in Babbo Natale? Poche mani vedo, bene. Alla…

23 Jan 2009 Reviews

Read more

Eagle Twin/Pombagira - Split LP (Mordgrimm, 2010)

Pubblicato in occasione del tour che ha visto i due gruppi attraversare l'Europa, toccando anche l'Italia (se ve la siete…

30 Oct 2010 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Il Tempo... Tra Le Nostre…

    Forse è eccessivo definire questo un album di canzoni sebbene "ubriache e sbilenche", come fa il comunicato stampa che lo…

10 Apr 2009 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - The Midnight Room (Sub Pop, 2007)

Bisogna mettere un disclaimer. Subito. Non sono un amante delle sonorità psichedeliche. Non ho un background di Pebbles, Nuggets o…

03 Sep 2007 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Prague - The Great Dark Nothingness (Under My Bed, Eaten…

La pluridecennale carriera di Alessandro Viccaro giunge con questo album sul bagniasciuga deserto di Jesus & Mary Chain abbandonandosi ad…

15 Feb 2016 Reviews

Read more

23RedAnts & Pablo Orza – Red Night (Setola Di Maiale,…

Il violoncello gode ultimamente, in campo avant, di grande considerazione, dalle composizioni neoclassiche di Julia Kent a quelle più cinematiche…

04 Apr 2016 Reviews

Read more

dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS – 4 (Eclectic Polpo, 2012)

E' una grande sorpresa l'ascolto di questo entusiasmante combo portoghese dall'impossibile nome di dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS (si, so cosa significa, qualche anima…

13 Apr 2012 Reviews

Read more

Nils Rostad – Ujamat/Harmony Hammond (Solar Ipse, 2013)

Più che una ristampa quella che ci propone la Solar Ipse è l’edizione CD dei due più recenti album di…

28 Feb 2014 Reviews

Read more

Rella The Woodcutter – I Know When It's Time To…

Secondo capitolo della trilogia di Rella The Woodcutter su Boring Machines (che comprende anche uno split 7" con My Dear…

11 Apr 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - Funk In Italia (Funk In Italy, 2009)

Questa recensione è stata un parto lungo ma per nulla sofferto, il fatto è che recensirsi una doppia compilation funk…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Shiver - They Will Feed On Us (Diazepam, 2011)

La seconda uscita a nome Shiver per Mauro Sciaccaluga (Ur, Wailing Of The Winds, Deprivation) sulla sua Diazepam si nota…

15 May 2012 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

Russell And The Wolf Choir - The Ivy Leaf Agreement…

Cinque brani per Russell And The Wolf Choir, direttamente da Romford, ormai periferia nordest di Londra: la musica sembra però…

18 Dec 2014 Reviews

Read more

Parallel 41 - Parallel 41/Faraway Close (Baskaru, 2012)

Parallel 41 sono Julia Kent (violoncello) e Barbara De Dominicis (voce ed effetti). New York e Napoli. Due città così…

07 Feb 2012 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Quarzo (Santeria/Wallace, 2010)

Quarto album in studio per i Bachi Da Pietra, a pochi mesi di distanza dal live che suggellava il vecchio corso…

05 Nov 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top