A Spirale – Agaspastik (Fratto9 Under The Sky/Deserted Factory, 2009)

Il trio composto da Maurizio Argenziano, chitarra, Mario Gabola, sax, e Massimo Spezzaferro, batteria, arriva con Agaspastik al suo terzo lavoro dopo i precedenti Come Una Lastra del 2004 e Gariga, se non sbaglio uscito nel 2008 per Setola Di Maiale. Coinvolti inoltre in altri progetti quali ASp/SEC_, Aspec(t), Strongly Imploded e non so cos’altro, i tre si rilevano essere un’entità quantomai prolifica. A dispetto di una formazione, quella del trio chitarra sax e batteria, formalmente jazz rock, Agenziano e soci danno vita in Agaspastik ad una serie di rumorose improvvisazioni dove certamente si intravede un impianto free jazz, ma completamente sconvolto dalle escrudescenze della chitarra, dalle distorsioni, dai feedback e dagli assalti frontali della batteria.
Una delle caratteristiche migliori della formazione è però quella di saper “tirare il freno”, così c’è posto anche per improvvisi cambi di tono, attimi in cui gli strumenti si rilassano, e il sax può venire fuori con melodie evocative, come accede in Suriciorbu. Si rivelano così spazi aperti che non esiterei a definire ambient, mentre i rimbrotti e i gorgoglii degli strumenti sembrano essere frutto di qualche manipolazione elettronica. Sulle stesse frequenze si muove Calco, con una bellissima linea melodica di sax, qualcosa che vagamente mi ha ricordato certe armonie sentite dal sax di Getatchew Mekuria, diluita e dilatata in uno spazio indefinito costellato di rumori e disturbi elettrici. Climbing Your Backbone si avvicina invece ad un approccio più solido, alla Painkiller per intenderci, con l’aggiunta di un pulsante e nervosissimo finale industrial. Stesso discorso per Naja Tripundians e per Tersicore, dove l’impennata iniziale è bilanciata dai suoni sgretolati del finale. A legare i brani tra loro in forma di discorso unitario, tra gli estremi della dilatazione del suono e la concretezza delle parti più jazz rock (o meglio, jazz core), è soprattutto l’ambientazione cupa, talvolta pessimistica che pervade l’intero lavoro, come se di fronte ad una tavolozza di colori, tra tutti quelli possibili, i tre A Spirale avessero scelto solo il grigio, il nero e il seppia. Inquietante come perdersi nella nebbia.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Firetail - Nylon (VeniVersus, 2018)

Particolare interessante come Vittorio Veneto sia un luogo speciale per la musica: gruppi ed etichette di quella città hanno sempre…

07 Mar 2018 Reviews

Read more

Laika Nello Spazio - Dalla Provincia (Overdub, 2019)

Rabbioso trio proveniente dall'hinterland milanese e attivo fin dal 2016. Salta subito all'orecchio la presenza di due bassi che inevitabilmente…

11 Oct 2019 Reviews

Read more

Altieri/Balestrazzi/Becuzzi – In Memoriam Of J.G. Ballard (Old Europa Cafè,…

Altieri, Balestrazzi e Becuzzi tributano il maestro della letteratura inglese a tre anni dalla scomparsa e lo fanno tornando sul…

03 Dec 2012 Reviews

Read more

Massa Sonora Concentrata – Boe (Setola Di Maiale, 2015)

È terra estrema la Sardegna, in senso geografico e culturale, terra di confine e di confini. Se dall’isola ci sono…

18 Dec 2015 Reviews

Read more

Mary Lattimore - Hundreds Of Days (Ghostly International, 2018)

Mary Lattimore è riuscita dove molti hanno fallito, infatti suona l'arpa senza risultare né inutilmente virtuosa, né troppo classica, né…

10 Jun 2018 Reviews

Read more

Piotr Kurek - World Speaks (LP/CD Ediçoes CN, 2022)

La mia conoscenza di musica polacca si ferma a tre nomi. Rope, Lutto Lento e Piotr Kurek. Ammetto di aver…

07 Jun 2022 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Tindersticks - Waiting For The Moon (Beggars Banquet, 2003)

Dunque, c’è andato l’uomo sulla luna o no? Ora che si è perso anche il video originale dell’impresa del 1969,…

23 Aug 2006 Reviews

Read more

Luther Blissett: il suono sanguigno dell'improvvisazione

Luther Blissett. Da Bologna. Due dischi all'attivo. Il perché di questa intervista sta tutto nel ricordo di un concerto, risalente…

18 Feb 2012 Interviews

Read more

Opus Dei - S/T (Lucifer Rising/Self, 2010)

"L''Opus Dei, fondata nel 1928, è una Prelatura personale della Chiesa Cattolica. La sua missione consiste nel diffondere il…

15 Jun 2010 Reviews

Read more

The Pattern Theory - S/T (Valeot, 2011)

Chissà se Ulf Grenander, lo statistico svedese che formulò la Teoria dei Modelli (pattern), avrebbe mai pensato di ispirare così…

03 May 2011 Reviews

Read more

Father Murphy - Pain Is On Our Side Now (Aagoo/Boring…

Non saprei dire quale momento o quale situazione della giornata sia più adatto per ascoltarsi un lavoro dei Father Murphy:…

29 Jan 2014 Reviews

Read more

MeVdA vs. Shiver - La Morte Salvatrice Della Vita (Luce…

Sono tre le lunghe tracce che caratterizzano il lavoro in condivisione di questi due veterani della scena powernoise nostrana (ed…

11 Mar 2021 Reviews

Read more

Superportua – Resterai Sempre Uno (Shyrec/Soviet/Sisma Mvmnt, 2018)

Non si può non provare simpatia per i Superportua: raramente mi è capitato di sentire un gruppo che tirasse fuori…

26 Jul 2018 Reviews

Read more

Midnight Faces - Fornication (Autoprodotto, 2013)

Dicono di loro di sentirsi come Tom Petty che incontra i Cure. Mi fanno sempre sorridere questi tipi di affermazioni:…

25 Oct 2013 Reviews

Read more

Ranter's Groove - 俳句 (Kaczynski, 2019)

Nulla rivela un'attitudine autenticamente volta alla ricerca come la volontà di mettersi costantemente in gioco: dopo Songs From The Eternal…

29 Jul 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top