since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

666 – …Perché In Fondo Lo Squallore Siamo Noi (Hellnation/Tuscia Clan)

Soltanto loro potevano riuscirci. Solo il Plakkaggio e l’instancabile Roberto Gagliardi (Hellnation) potevano riuscire nell’intento di declinare in chiave oi/thrash Max Pezzali e tutto il parafernalia da lui generato in oltre trent’anni di carriera. Certo è doveroso ricordare che gli D8r. Max ci sono arrivati almeno dieci anni prima, ma questa è un’ altra storia. La virtù principale della gang di Colleferro è di fregarsene di stilemi, paletti e atteggiamenti di genere per preferire la sostanza a tutti gli orpelli. E ridendo e scherzando, l’esperimento è riuscito perchè è dai tempi dei mai dimenticati Ifix Tcen Tcen che l’hardcore non si cimentava così bene con “le canzonette” italiane. Un plauso speciale va alle non comuni capacità musicali e di arrangiamento di Gabriele Calvano, quel tanto da farci chiudere un occhio a qualche sua incertezza vocale. I classici degli 883 ci sono e, amandoli oppure odiandoli, li conosciamo tutti a menadito. A questo punto però cosa succede? Io proprorrei di affrontare l’ everest Vasco Rossi e chi si è visto si è visto. “Passano gli anni, alternativa non c’é…”

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

Back to top